21/02/2021 – La Parola globale del giorno – BIBLE – The global Word of the day

  • by

GRAN SAN BERNARDO

VÍA FRANCÍGENA –  EUROPA

21/02/2021

LETTURA DEL GIORNO

PAROLA DEL GIORNO

21/02/2021

LETTURA DEL GIORNO

Prima Lettura


Dal libro della Gènesi
Gen 9,8-15

Dio disse a Noè e ai suoi figli con lui: «Quanto a me, ecco io stabilisco la mia alleanza con voi e con i vostri discendenti dopo di voi, con ogni essere vivente che è con voi, uccelli, bestiame e animali selvatici, con tutti gli animali che sono usciti dall’arca, con tutti gli animali della terra. Io stabilisco la mia alleanza con voi: non sarà più distrutta alcuna carne dalle acque del diluvio, né il diluvio devasterà più la terra». Dio disse: «Questo è il segno dell’alleanza, che io pongo tra me e voi e ogni essere vivente che è con voi, per tutte le generazioni future. Pongo il mio arco sulle nubi, perché sia il segno dell’alleanza tra me e la terra. Quando ammasserò le nubi sulla terra e apparirà l’arco sulle nubi, ricorderò la mia alleanza che è tra me e voi e ogni essere che vive in ogni carne, e non ci saranno più le acque per il diluvio, per distruggere ogni carne».

 

Seconda Lettura


Dalla prima lettera di san Pietro apostolo
1Pt 3,18-22

Carissimi, Cristo è morto una volta per sempre per i peccati, giusto per gli ingiusti, per ricondurvi a Dio; messo a morte nel corpo, ma reso vivo nello spirito. E nello spirito andò a portare l’annuncio anche alle anime prigioniere, che un tempo avevano rifiutato di credere, quando Dio, nella sua magnanimità, pazientava nei giorni di Noè, mentre si fabbricava l’arca, nella quale poche persone, otto in tutto, furono salvate per mezzo dell’acqua. Quest’acqua, come immagine del battesimo, ora salva anche voi; non porta via la sporcizia del corpo, ma è invocazione di salvezza rivolta a Dio da parte di una buona coscienza, in virtù della risurrezione di Gesù Cristo. Egli è alla destra di Dio, dopo essere salito al cielo e aver ottenuto la sovranità sugli angeli, i Principati e le Potenze.

VANGELO DEL GIORNO

Dal Vangelo secondo Marco
Mc 1,12-15

In quel tempo, lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana. Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano. Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».

PAROLE DEL SANTO PADRE

In questa prima domenica di Quaresima, il Vangelo richiama i temi della tentazione, della conversione e della Buona notizia. Scrive l’evangelista Marco: «Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana» (Mc 1,12-13). Gesù va nel deserto per prepararsi alla sua missione nel mondo. Anche per noi la Quaresima è un tempo di “agonismo” spirituale, di lotta spirituale: siamo chiamati ad affrontare il Maligno mediante la preghiera per essere capaci, con l’aiuto di Dio, di vincerlo nella nostra vita quotidiana. Noi lo sappiamo, il male è purtroppo all’opera nella nostra esistenza e attorno a noi, dove si manifestano violenze, rifiuto dell’altro, chiusure, guerre, ingiustizie. Tutte queste sono opere del maligno, del male.Subito dopo le tentazioni nel deserto, Gesù comincia a predicare il Vangelo, cioè la Buona notizia. E questa Buona notizia esige dall’uomo conversione e fede. Nella nostra vita abbiamo sempre bisogno di conversione – tutti i giorni! -, e la Chiesa ci fa pregare per questo. Infatti, non siamo mai sufficientemente orientati verso Dio e dobbiamo continuamente indirizzare la nostra mente e il nostro cuore a Lui. (Angelus, 18 febbraio 2018)

21/02/2021 – La Parola globale del giorno – BIBLE – The global Word of the day

WORD OF THE DAY

21/02/2021

READING OF THE DAY

First reading from the Book of Genesis
Gn 9:8-15

God said to Noah and to his sons with him:
“See, I am now establishing my covenant with you
and your descendants after you
and with every living creature that was with you:
all the birds, and the various tame and wild animals
that were with you and came out of the ark.
I will establish my covenant with you,
that never again shall all bodily creatures be destroyed
by the waters of a flood;
there shall not be another flood to devastate the earth.”
God added:
“This is the sign that I am giving for all ages to come,
of the covenant between me and you
and every living creature with you:
I set my bow in the clouds to serve as a sign
of the covenant between me and the earth.
When I bring clouds over the earth,
and the bow appears in the clouds,
I will recall the covenant I have made
between me and you and all living beings,
so that the waters shall never again become a flood
to destroy all mortal beings.”

Second reading from the First Letter of St. Peter


1 Pt 3:18-22

Beloved:
Christ suffered for sins once,
the righteous for the sake of the unrighteous,
that he might lead you to God.
Put to death in the flesh,
he was brought to life in the Spirit.
In it he also went to preach to the spirits in prison,
who had once been disobedient
while God patiently waited in the days of Noah
during the building of the ark,
in which a few persons, eight in all,
were saved through water.
This prefigured baptism, which saves you now.
It is not a removal of dirt from the body
but an appeal to God for a clear conscience,
through the resurrection of Jesus Christ,
who has gone into heaven
and is at the right hand of God,
with angels, authorities, and powers subject to him.

GOSPEL OF THE DAY

From the Gospel according to Mark


Mk 1:12-15

The Spirit drove Jesus out into the desert,
and he remained in the desert for forty days,
tempted by Satan.
He was among wild beasts,
and the angels ministered to him.

After John had been arrested,
Jesus came to Galilee proclaiming the gospel of God:
“This is the time of fulfillment.
The kingdom of God is at hand.
Repent, and believe in the gospel.”

WORDS OF THE HOLY FATHER

On this First Sunday of Lent, the Gospel recalls the themes of temptation, conversion and the Good News. Mark the Evangelist writes: “The Spirit immediately drove Jesus out into the wilderness. And he was in the wilderness forty days, tempted by Satan” (cf. Mk 1:12-13). Jesus goes into the desert to prepare Himself for His mission in the world. For us too, Lent is a time of spiritual “contest”, of spiritual struggle: we are called to confront the Evil One through prayer in order to be able, with God’s help, to overcome him in our daily life. We know that evil unfortunately is at work in our existence and around us, where there is violence, rejection of the other, closure, war, injustice. These are all works of the Evil One. Immediately following the temptations in the desert, Jesus begins to preach the Gospel, that is, the Good News. And this Good News demands our conversion — every single day — and the Church invites us to pray for this. In fact, we are never sufficiently orientated towards God and we must continually direct our minds and our hearts towards Him. (Angelus, 18 February 2018)

SAINT OF THE DAY

banner santi.jpg
Date 21 February

The Saint of the Day presents a daily calendar of Saints remembered by the Church. The pages feature the stories of the great witnesses of Christian life through the centuries, lighting our way on our journey of faith.

ST PETER DAMIAN, BISHOP OF OSTIA AND CARDINAL, DOCTOR OF THE CHURCH, CAMALDOLESE

St. Peter Damian, 15th centurySt Peter Damian is among the saints we meet in “Paradise”, in Dante’s “Divine Comedy”. A reformer and Doctor of the Church, he fought the simony and corruption that was spreading among the clergy of his time. His feast-day is celebrated on February 21st.  

GRAN SAN BERNARDO 

VÍA FRANCÍGENA –  EUROPA